Alla luce delle novità recentemente intervenute nel campo della tutela della maternità e paternità, ricordiamo che è rimasto invariato l’obbligo (introdotto dalla legge n. 92 del 2012) per il padre lavoratore di astenersi dal lavoro per n. 1 giornata entro 5 mesi dalla nascita del figlio.



Risulta essere attualmente al vaglio dei tecnici la possibilità di confermare l’esonero contributivo in caso di assunzione a tempo indeterminato anche per l’anno 2016. Si ipotizza il dimezzamento dell’importo annuo (dagli attuali 8.060 euro si passerebbe a 4.000 euro) e la riduzione della durata del beneficio da tre a due anni.



Pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 23/09/2015 gli ultimi quattro decreti legislativi previsti dalla Riforma del Lavoro. Tra le novità più impattanti sulla gestione ordinaria del rapporto di lavoro vi è sicuramente l’intera revisione degli ammortizzatori sociali, della normativa sui controlli a distanza e sugli adempimenti in caso di dimissioni volontarie.





Subcategories

© 2024 Studio Brenna e Bonavitacola - Via N. Sauro n. 6 – 22066 Mariano Comense – Como - C.F. e P.I. 01595710136 - Privacy Policy - Cookie Policy